Aperitivi Immaginari, Architettura, Art, BLOG, Design, Fotografia

L’APERITIVO DEL VENERDì COL SIGNOR CILDO MEIRELES [di sinestesia ed altre metafore liriche]

Cildo sorseggia lentamente una Caipirinha, perché dai, tutti se ci immaginiamo Cildo Meireles sorseggiare qualcosa è sicuramente una Caipirinha, mentre io non tradisco il mio fedele bicchiere di vino rosso fermo.
Ed è sempre sorseggiando che entriamo in un labirinto di trasparenze, in cui materiali trasparenti ma esiziali intralciano il passaggio ma permettono alla mia vista di scorrere oltre. L’occhio arriva a toccare quel che il passo non riesce a raggiungere. Sotto ai piedi lo scricchiolio di vetri, si, sono proprio vetri quelli che sto calpestando, frammentando coi miei stessi passi…cerco di romperli con attenzione, ma come si fa a rompere qualcosa con attenzione?
Cildo: “La senti? questa sensazione che provi è  l’attenzione che mette in allerta i tuoi sensi, per non correre il rischio di farti male. Sei in uno stato di allerta, che ti rende più ricettiva ed è questo lo stato perfetto per cogliere quello che ti voglio mostrare. Questi ostacoli sparsi nel labirinto sono le situazioni quotidiane di limitazione che esperisci durante il tuo percorso interiore, ma sono ostacoli che puoi spezzare fisicamente, come stai facendo coi vetri sotto i tuoi piedi per arrivare dove già da prima sei arrivata col tuo sguardo”

Atraves

senza titolo-001-2Através (1983-1989)Reti da pesca, voile, vetro rinforzato, reti da bestiame, carta, veneziane, sbarre, tralicci di legno, acquario, reti, filo spinato, catene, corda, cellophane…

G: “Signor Cildo non mi parli di ostacoli, io sono un mago nella rottura di vetri, oltre che di ostacoli, faccio della paura la prima arma per rompere i miei limiti…finché a volte non mi paralizzo completamente, può succedermi spesso davanti ai ricordi”
C: “I ricordi non si possono gestire, sono evocati da aspetti che a noi possono sembrare insignificanti, ma che per qualche oscura ragione mettono in atto questo meccanismo, secondo il mio parere uno degli elementi che permette di innescare questo meccanismo è la sinestesia, l’accostamento di piani sensoriali diversi”
Babel, 2001 apparecchi radiofonici di varie epoche accesi su decine di canali radiofonici diversi trasmessi simultaneamente

G: per me uno degli elementi più importanti che evoca i ricordi è l’odore, come quello che sento in questo momento, che addirittura mi evoca ricordi non miei, ma che posso immaginare.
C: “questo odore pungente è quello della storia americana che si edifica sulle ossa di ciò che ha distrutto. E’ l’odore delle 3 tonnellate di ossa di bue, delle 70.000 candele di paraffina di cui è costituito questo muretto che racchiude quel tepee creato con 6000 banconote dei diversi paesi americani. Invece, il rumore che senti è una sega elettrica, come quella che è stata usata per la distruzione delle foreste.  “Mi piace utilizzare i materiali per quello che sono e per quello che simboleggiano. Per questo uso dei materiali che le persone possano riconoscere immediatamente”.

Olvido

Olvido Olvido (1987-1989) Legno, 70.000 candele di paraffina, carbone, 3 tonnellate di ossa di bue, tepee indiano realizzato con 6.000 banconote di paesi americani, casse, lampada.

C: Fragilità e pericolo, che si percepiscono solo se si sperimentano su stessi. Solo attraverso questa esperienza si può capire davvero di cosa voglio parlare. Come il “camminare sulle uova”, 22.000 per la precisione, con un soffitto di proiettili che incombe, come un letto di aghi pronto a trafiggerci. non so se hai mai provato questa sensazione.
G: in realtà credo che l’abbiano provata tutti almeno una volta nella vita, questa sensazione di fragilità, come direbbe un mio amico “sometimes i feel like I’m made of eggshell”

Amerikka Amerikka Amerikka Amerikkka (1991-2013) 22.000 uova di legno dipinte con resina poliuretanica, 55.000 proiettili svuotati, legno, ferro

C.”Un’altro aspetto che mi interessa particolarmente è la contrapposizione degli opposti, di come essi si contaminano, come qui, vedi: una volta vi erano uno spazio bianco ed uno spazio nero, ma il passaggio delle persone da un ambiente all’altro li ha fatti diventare dello stesso colore”

Cintia Cintia
Cinza (1984-1986) Acrilico su tela, gesso, carbone, cavi, corda, ferro

Proseguiamo per la nostra passeggiata, ad un certo punto C. estrae dalla tasca una bustina con dentro due ghiaccioli ed io penso: “Non credevo fosse una persona così gelida!” [Ma si Sto arrivando!, questo è un sogno e nei sogni possono accadere le cose più impensabili], porge la stessa bustina anche a me e mi chiede di chiudere gli occhi e di mangiare i ghiaccioli quando me lo dirà lui. Lo seguo, sento che stiamo avanzando verso un rumore assordante e che man mano che ci avviciniamo un’aria calda mi viene incontro, quando sento “ORA”, mangio i ghiaccioli ed apro gli occhi. E’ in questo momento della mia vita, che capisco il vero significato della parola SINESTESIA. Non c’è definizione dello Zanichelli o della Treccani che tenga, per spiegare il significato di questa parola, bisogna entrare qui, in Entrevendo. Un’intera esperienza sensoriale.
I cubetti di ghiaccio si sciolgono e noi usciamo da questo tunnel di legno e andiamo oltre, io mi porto dietro un ricordo in più.

Entrevendo Entrevendo(1970-1994) Termoventilatore, tunnel di legno, pezzi di ghiaccio

G: “Mi sembra di sentire il rumore del mare, non riesco a capire da dove proviene, ah ecco forse da li.”
C. mi accompagna verso il luogo da cui proviene il rumore ed entriamo in uno spazio immersivo. Un pontile che sia affaccia su un’apparente distesa d’acqua.
C:”Ecco, è proprio da qui che proviene, ma non è Il mormorio del mare, è quello di voci che sussurrano la parola ‘Acqua’ ripetuta in 85 diverse lingue.”
Guardando bene sotto di me, mi accorgo che quello che percepivo da lontano come movimento è  in realtà statico e ciò che credevo fosse liquido è solido.
G:”e questa quindi, non è acqua, ma l’idea di colore del mare?”
C: “Si, esatto. E’ una distesa di fascicoli aperti, tutto questo spazio in cui siamo non è altro che “una sorta di realtà virtuale low-tech. E’ un gioco sin-estetico di percezioni.

MarulhoMarulho (1991-1997)  Rampa di legno, libri, traccia audioNon riesco quasi ad abbandonare questo posto, in così poco tempo è riuscito a crearmi per lui nostalgia, la stessa che ho per l’elemento del mare. Sono piena di emozioni contrastanti, fragili ma in equilibrio tra loro. Adesso mi alzo, mi dico seduta su questo pontile atemporale, mentre osservo C. che mi saluta con un cenno e diviene sempre più del colore del mare intanto che cammina sul pontile e oltre.

senza titolo-001La conversazione qui riportata è assolutamente immaginaria e rispecchia le mie opinioni e comprensioni circa il mio personale studio sulla figura di Cildo Meireles e la visita alla personale dell’autore intitolata: “Installations” a cura di Vicente Todolí, che si è svolta  dal 27 marzo al 20 luglio 2014, presso HangarBicocca, via Chiese 2, Milano

Giui

Standard
Art, BLOG

G R A Z I E ! [per i vostri ricordi, per le nuove esperienze]

Ricordi?

Con terribile, mostruoso, impietoso, inescusabile ritardo, ecco, anche io parlo di come è andato Tendenze quest’anno.
Preferisco non proferire parola sul mio ritardo, anche se spero, che definendo ritardo come “prendersi un po’ più cura di se stessi ed evitare le cose fatte di fretta” io possa in qualche modo essere capita, giustificata no eh, ma magari capita…

Tendenze anche quest’anno mi ha fatto tanti regali e ne sono davvero felice, visto e considerato che è l’ultimo, che ha chiuso per me un susseguirsi di emozioni e progetti, uno dopo l’altro.
Io, ma non solo io, come me molti ragazzi di Piacenza, con Tendenze ci sono cresciuta. Tendenze è stato spettatore dei miei turbamenti di gioventù, dei miei sfaceli, delle mie ubriacature, ma anche dei miei amori, delle mie avventure e dei miei primi esperimenti artistici…come posso non volergli così bene?
ancora prima che si spostasse a Spazio 4 è stata una “manifestazione-luogo” in cui ho pianto e riso come non mai.

Tendenze

LibertàLibertà
Sono orgogliosa anche quest’anno di questo coraggioso tentativo di street art, che come ho spesso già detto, “Esporre” in un luogo non tradizionale può avere delle controindicazioni: stai offrendo un messaggio a chi non ha chiesto che gli venisse offerto.
Se entro in un museo o in una galleria d’arte sono io che sto scegliendo di ricevere il messaggio e presumibilmente corpo e animo sono predisposti ad ascoltare.
Se invece mi imbatto casualmente in un-qualcosa-non-ho-ben-capito-cosa-che-aspira-ad-essere-messaggio artistico non sempre il mio corpo o la mia anima sono nel momento giusto per ascoltare.
Potrei essere troppo triste, troppo felice, troppo depresso, troppo ubriaco, troppo stanco o troppo indaffarato [ma se sostituisco troppo con “non abbastanza” il significato non cambia] per poter/voler prestar attenzione a ciò che mi trovo davanti.
Beh, perdincibacco, è proprio questa la problematica ma fascinosa sfida della Street Art e simili!”  E così non mi resta altro che ringraziare chi ha scambiato i propri Ricordi con i miei e quelli di altri. Perché ecco come funzionava Ricordi:
Una “sistema-bacheca” che comprende vasetto di zuccherini, materiale per scrivere e bacheca con appesi 4/5 ricordi con delle puntine. Chi vuole scrive un proprio ricordo e lo sostituisce con uno appeso, in questo modo, vi è un circolo di ricordi continuo. Ognuno si porta a casa l’esperienza di uno sconosciuto e regala la propria a qualcuno che non conosce.
Ciò, nasce dall’idea che credo non vi sia regalo più bello se non quello di condividere.
Condividere esperienze.
cosa importa se lo fai con sconosciuti, anzi tanto meglio!
🙂
Ed ecco alcuni dei regali più belli che mi ha fatto quest’ultima edizione di Tendenze.
Io non so chi siete, ma vi sono grata per avermi regalato un pezzo della vostra storia, lo custodirò con cura, con la quale si custodiscono i più grandi tesori.
Volevo ringraziare di nuovo poi, tutti coloro che hanno reso questa magia possibile, tutti i ragazzi di 29100 ch sin questi anni hanno fatto in modo che tendenze diventasse un fulcro di creatività, musica e vita-Grazie Ragazzi!
Ricordi? è spiegato meglio in modo meno colloquiale e [forse] a sproposito qui.

Standard
Art, BLOG

Ricordi ?

Dopo un “capitolo pacco” del libro di Museologia ce n’è uno interessante.
Non è vero.
Non è assolutamente vero.
E’ la mia voce che maledice la sessione di Settembre, soprattutto maledice me medesima, per essermi lasciata un esame da dare!
Ehi G. ma ti ricordi come eri incasinata a Luglio, non ce l’avresti potuta obiettivamente fare a darlo, no?
Ehi, Voi vi ricordate di Tendenze? questa domanda potrebbe sembrarvi assolutamente incoerente con quello scritto finora e forse lo è, lo ammetto. In realtà però è il contrario, è quello che vi ho detto prima che non c’entra nulla con quello che devo dirvi! Evviva! 
Per gli smemorati Tendenze è il Festival Musico-Artistico che ci piace di più di tutta Piacenza e zone limitrofe!
beh, con grande, immenso rammarico, sembra che questo sia l’ultimo anno che si svolgerà, almeno sotto la direzione dei ragazzi di 29100, cari ragazzi ed anche un po’ pazzi, che da tre anni a questa parte mi invitano a partecipare all’evento con le mie strambe invenzioni. 

No, non li minaccio, lo fanno di loro spontanea volontà, giuro!
Così anche quest’anno vi tocca: volenti, dolenti, nolenti vi subirete l’ennesima mia presenza.

Come è successo per il Cavallo Salvasogni e la Girandola Scacciapensieri, quest’anno avviene per Ricordi?

Di che razza di diavoleria si tratta? 

Ricordi?

Alla ricerca del nostro tempo perduto, attraverso il sapore di un ricordo, come avviene con la “madeleinette” Proustiana.
Come il gusto può trasportarci indietro nel tempo? Se la dolcezza che si scioglie in bocca diventa il legame per ricollegarsi alla dolcezza di un momento, che scivola dalle mani su un foglio bianco e si trasforma in memoria, nasce “Ricordi?”.

Non avete capito nulla di quello che ho scritto?

BENE, MOLTO BENE!

Vi tocca venire a vederlo allora, come sempre, carichi di una buona dose di poesia e voglia di tornare un po’ bambini, lasciando la rigidezza e la serietà ai futuri Lunedì invernali.

Un Abbraccio, di quelli forti, che portano indietro nel tempo.

Giui.

Standard
Art, BLOG

Emotive Portraits

“Giui is [not] an artist” non è solo un portfolio online, ma col tempo è diventato un piccolo raccoglitore di esperienze, degli impacciati progressi quotidiani dei miei progetti, ma anche delle rilevanti scoperte che faccio ogni giorno. Ecco perché oggi voglio parlarvi di questo progetto artistico scovato casualmente sul web [evviva il potere della rete, del “fare rete”!], che ritengo molto interessante:

Emotive Portraits

ImmagineImmagineProprio in questo periodo la mia produzione artistica si sta concentrando sui ritratti, che vogliono mostrare ciò che vi è dietro ai tratti fisici, forse è proprio per questo, che sono rimasta così affascinata da “Emotive Portraits” di Andreaa Hartea [ha un tumblr bellissimo, correte a dargli un’occhiata!]. Ciò che mi ha attratto di più è l’approccio così istintuale che Andrea utilizza per indagare “l’altro” [cosa che ad una anima cervellotica come me non sarebbe mai venuta in mente, ma non è  proprio per questo che l’arte avrà sempre risvolti imperscrutabili? essa è l’espressione più personale di concetti riformulati attraverso la propria soggettività].

Immagine

Si, lo so, non vi ho ancora detto che cosa fa quest’artista, ma volevo prepararvi bene al colpo.  Il rivoluzionario progetto di Andreaa si basa su un dialogo con il subconscio, dettato da uno stato di trance, su colui che sta ritraendo. Il risultato è un’opera, un quadro, o meglio, un’impronta emotiva, di una certa dimensione [data dall’idea che il soggetto ha per il proprio ego] e colori, dipinta su un foglio di poliestere siliconato, fissato su una tela monocromatica, il cui colore è determinato dall’esperienza più significativa che l’artista coglie durante il processo di ipnosi. 

Insomma, istinto come strumento per conoscere se stessi e gli altri.

La trovo un’idea bellissima.

Per ora il progetto vuole indagare la psiche di artisti contemporanei e fino ad oggi quelli coinvolti sono: Masbedo (Jacopo Bedognie e Nicolò Massazza), Vedovamazzei (Mariastella Scala e Simeone Crispino), Pietro RuffoLuca VitoneVincenzo CastellaValerio BerrutiNunzioSilvio WolfPistoletto.

ImmagineSe anche voi come me siete rimasti entusiasti, potete aiutare quest’artista a continuare il suo progetto, che si trasformerà in un libro raccolta, attraverso una campagna fondi sulla piattaforma Kickstarter fino a settimana prossima!

Immagine

 

Standard
Art, BLOG

Quando è stata l’ultima volta che ti sei preso il diritto di sognare?

E aggiungerei: Quando è stata l’ultima volta che ti sei preso il diritto di sognare, senza sentirti in colpa?  Magari perché l’hai confuso con un fantasticare inconcludente?

La frenesia della quotidianità spesso è proprio il freno inibitore peggiore per l’avverarsi del nostro futuro. Perché sognare non è una perdita di tempo, ma è la benzina per migliorarci.

Cosa mi spingerebbe a lavorare 26 ore in un weekend, se non pensassi che è solo un piccolo sacrificio momentaneo, per porre le basi dell’avverarsi del mio obiettivo? Sarei già impazzita, anzi no, quello forse lo sono già, ma sarei sicuramente molto più triste.

Quindi, a che punto stanno i vostri sogni!? Gli avete dedicato la cura necessaria, li avete coltivati con amore e passione e magari crescendo si sono evoluti ed hanno loro stessi preso una forma, che non vi aspettavate?

A me è successo proprio così, mentre li accudivo, senza neanche me ne accorgessi si sono trasformati ed ora mi sembrano ancora più belli di prima.

Perciò, Sognate!

Fantasticate sul treno mentre tornate a casa da una giornata stancante, sotto la doccia mentre lavate via tutte le frustrazioni. Per aiutarvi ascoltate tanta buona musica e dedicatevi almeno cinque minuti al giorno. Scrivetevi su un foglio gigante il vostro obiettivo e appendetelo di fronte al letto, in modo che ogni mattina avrete ben chiaro perché vi state alzando.

Se avete bisogno di un aiuto in più, potete scaricare le schede qui sotto, scrivere dietro qual è il vostro sogno e venirlo ad infilare questo venerdì all’Alzaia Naviglio Pavese dentro la tasca del Cavallo SalvaSogni. Io ci sarò e se vorrete raccontarmi il vostro sogno di persona, vi ascolterò volentieri. Perché la passione per la vita è contagiosa e ci aiuta ad appassionarci di più alla nostra stessa!

Se non riuscite a passare, potete sempre stampare le schede, scrivere il vostro sogno e spargerle dappertutto, dove vi capita: Un libero circolare di speranze per autoesaltarci a non mollare mai in questi tempi difficili!

Ecco le schede e che sia una Buona Giornata!

Immagine

Immagine

Standard
Art, BLOG

• L’inerme Arma •

A[r]miamoci. Armarsi per Amarsi. Giorno dopo giorno voglio costruirmi un “bell’armamentario” per proteggermi dall’esterno. Perché le insidie alla gioia sono costanti e pericolosissime, lo si impara a proprie spese. Così, in una giornata grigia con il sole nascosto dietro alle nuvole è nata l’ennesima Invenzione Gentile e Assolutamente inutile:  Ecco a voi “L’Inerme Arma”.

Immagine

Caratteristiche principale di “L’inerme Arma” sono che è un’arma di difesa e non di attacco. Di difesa contro i succhiatori di energia, che possono essere di qualsiasi tipo: il lavoro/l’università che non ti piace e non vorresti fare, gli individui di poca fantasia che copiano senza troppa cura, gli amici poco amichevoli che sfruttano le tue idee, quelli a cui vieni in mente soprattutto quando hanno bisogno di qualcosa, quelli che ti vedono come competitore prima che amico, i genitori che non accettano le tue scelte perché le vedono solo come diversità, ai parenti che  invece che così ti vorrebbero sposato con due figli e laureato e soprattutto non tatuato, chi si approfitta della tua patologia “del non riuscire a dir di no”, il datore di lavoro che pretende sempre di più e da sempre meno, la società che di sociale ha ben poco, ma anche i limiti fisici che arrivano prima di quelli mentali e tanto, tanto altro….ognuno sa cosa gli succhia le energie e serviva qualcosa per fermare questo sopruso!

ImmagineNel mio petto ogni giorno c’è qualcosa che brilla rosso e fulgente, come una fiamma che brucia, e anche se qualcuno che passa mi guarda dall’esterno non la vedrà, nè io farò nulla perchè possa vedere. Io sono fatta di un enigma incandescente. Nascondo un mistero enorme, molto più grande del mistero dell’universo.
In realtà tutte le persone sono così, ma il fatto è che io ne sono già consapevole.
E tutto questo scintillio, come di una pietra preziosa gigantesca, appartiene soltanto a me.
[“Chie-Chan ed Io”, Banana Yoshimoto]

E’ per questo che ho deciso che “L’inerme Arma” dovesse sparare colore rosso e fulgente, come ciò che ogni giorno brilla nel petto di ognuno di noi, che è ciò di cui più dobbiamo prenderci cura. All’esterno è dorata, come ciò che contiene la nostra fiamma.

Immagine

Quando sentite che qualcosa/qualcuno vi sta succhiando energia: SPARATE. Il colore invaderà lo spazio e le persone. E a voi ricorderà della vostra anima rossa e fulgente da proteggere.

Buon Lunedì!

PS: Scusate, i link musicali punk sono venuti naturali. Forse non si può essere più punk dopo i 18 anni? Beh, nel caso fosse veroperdavvero non resta che costruire “Invenzioni gentili e assolutamente inutili” per continuare la propria rivoluzione personale.

foto di Simone Berna 

Standard
Art, BLOG

Il Cavallo SalvaSogni @Who Art you!

Settimana Scorsa in uno di quei momenti grigi scuri, quasi neri….DRIIIIN DRIIIIN mi squilla il telefono. Rispondo, ascolto, mi tremano le mani, arrossisco e balbetto [mio atteggiamento usuale quando apprendo certe notizie], insomma, faccio proprio la figura di un famoso titolo di Dostoevskij, riaggancio e mi sfogo con il consueto balletto della felicità. Fortunatamente, in casa, non era presente nessuna delle mie coinquiline o avrebbero perso le poche speranze che ormai riponevano nella mia normalità.

Immagine
Sta di fatto che, ECCO, mi hanno comunicato che ho passato le prime selezioni con la mia scultura “ll Cavallo SalvaSogni” per la mostra/contest WHO ART YOU? che mi da diritto di partecipare, insieme agli altri artisti selezionati, il 23 Maggio presso l’Alzaia Naviglio Pavese [siiiii, questo luogo mi vuole bene!!! è dove avevo esposto l’anno scorso per il fuorisalone l’installazione “COLTIVIAMO[CI]” ] ad una mostra collettiva/evento! Tra gli 80 artisti della prima selezione ne verranno scelti 12, che avranno diritto ad una mostra personale di una settimana in una galleria d’arte Milanese e la possibilità di essere scelti per una mostra a Londra! Eh, lo dico subito, nel caso, abbastanza considerevole, io non passi le altre selezioni, sarà stata si una buona esperienza, ma avrò bisogno di una di quelle dosi di abbracci massicce figurate e non. Perciò, se avete o avreste voluto almeno una volta infilare il vostro sogno nella tasca del cavallo SalvaSogni, support Giui, please!

cavallosalvasogni2
La scelta sarà fatta da una giuria selezionata, non dal pubblico, ma un vostro supporto sarà il mio cuscino morbido su cui atterrare per non farmi troppo male. E ricominciare di nuovo a sognare. Sinceramente, per svariati motivi, ero indecisa se partecipare o no a questo concorso, è stata una mail arrivata da lontano che mi ha convinto a non perdere questa occasione…è qui che mi sono resa conto di quando sia importante il supporto delle persone che abbiamo intorno. Finora sono stata davvero fortunata, perché amici di vecchia data e nuove conoscenze virtuali mi danno coraggio ogni giorno per continuare a credere in ciò che faccio. E quando “eccessivi concentrati di realtà (come l’affitto da pagare, problemi di salute, angosce sul lavoro e chi più ne ha, più ne metta)” si manifestano nello stesso periodo, si è tentati di smettere di sognare. E’ questo il momento in cui abbiamo più bisogno di energia positiva, di vedere che, intorno a noi, tanta gente crede in ciò che facciamo. Supportarsi a vicenda, anche attraverso un piccolo gesto ha un potere immenso, scatena un effetto farfalla, che ci fa sentire più leggeri!

Vi auguro una buona, ottima giornata, di camminare sempre un po’ coi piedi leggermente staccati da terra e di continuare a credere nei vostri sogni….

Il cavallo SalvaSogni

Giui

 

Standard
Art, BLOG

Tra fili colorati e sensazioni il mio primo autoritratto.

Vi ricordate di “Profili”? Ne ho parlato un po’ di tempo fa, un progetto artistico legato ai colori e alle loro relazioni con le nostre sensazioni.
Ho cominciato con un mio autoritratto, che ora posso finalmente mostrarvi. Curioso, che sia il primo autoritratto della mia vita, alla scuola d’arte che ho frequentato per un po’ parallelamente al liceo ho disegnato di tutto, da gessi impolverati e miei compagni di sventura, ma mai me stessa. Dovevo aspettare i 25 anni per riuscire ad affrontarmi. Beh, intanto che io analizzo questa cosa e faccio ipotesi psico-scientifici-poco-attendibili sulla cosa, ecco il risultato:
Immagine
Porta con sè le imperfezioni dei primi esperimenti, le ore piccole della mia insomnia, le dita bucate dalla mia frenetica voglia di finire!
Immagine
Ora sto già cominciando un nuovo “profilo”, questa volta un ritratto di una persona cara che si è prestata al “gioco” [se anche voi siete abbastanza fuori di testa per farlo, scaricate la scheda in allegato al post e inviatemela compilata a giui.giuliarusso@gmail.com]
Immagine
Per le foto si ringrazia, come sempre, Simone berna. 🙂
Buona giornata colorata a tutti voi!
…ed ecco la scheda! come funziona? Alla fine di ogni giornata, per un mese, pensate alle emozioni che avete provato e mettete dei pallini nell’area di colore che rappresenta quello che sentite [per esempio, oggi è stata una giornata in cui mi sono sentita molto attiva, propositiva e felice, ZAC, un puntino nell’area arancione e uno in quella gialla!]. Le parole che trovate scritte sono solo dei “sintesi”, che magari possono aiutarvi a focalizzare il colore nella vostra mente all’inizio, ma non vanno prese come una regola, assolutamente!
Immagine
 
Standard
Art, BLOG

[Non] Toccate quel colore!

Non toccate quel colore!

Fin da bambina i colori mi hanno sempre affascinato tantissimo. Ricordo che, una volta, da piccola, chiesi a mia mamma febbricitante e addormentata quali fossero i suoi colori preferiti. Lei mi rispose bofonchiando i primi colori che le venivano in mente, forse fu per quello, che al suo risveglio la sua reazioni fu: “macccom’èpossibilechelasci sempretuttoingirocosacifannoipastellinellettorimettiapostotutto!!!!”. E’ che io non riuscivo a pensare ad un modo migliore per farla sentire meglio, se non quello di farla svegliare accanto ai suoi colori preferiti. Forse era un ingenuo, maldestro tentativo di cromoterapia, ovvero, usare i colori per aiutare il corpo e la psiche a ritrovare un naturale equilibrio. Crescendo, la mia passione per i colori non si è affievolita, anzi, da un paio di anni sto leggendo molto a riguardo e sperimento il più possibile per la compilazione di un ambizioso progetto. Ho scoperto, per esempio, che il corpo umano è composta di atomi, che vibrano secondo determinate lunghezze d’onda. Ogni fascia di lunghezza d’onda corrisponde a un colore, che reagisce con le vibrazioni del nostro organismo. Ogni cellula del nostro corpo, poi, emette una luce colorata a bassa intensità, che è più scura, se le cellule sono in uno stato di disequilibrio. La Malattia sarebbe quindi disarmonia di questo ritmo vibratorio cellulare. La Cromoterapia risale a migliaia di anni fa con le antiche “sale di colore” di Egitto, Cina e India. Nella progettazione ambientale e architettonica il colore è un protagonista importante, si studia il suo effetto  sulla salute e sul comportamento. Le nostre risposte a colori, non sono sicuramente solo biologiche, ma sono anche influenzate dalle associazioni simboliche della nostra cultura. Detto ciò, ho provato, comunque, a stilare uno schema degli effetti benefici e non che i colori hanno sul nostro organismo e sulla nostra mente.

Rosso: [6200 Å] Colore primario, il suo complementare e’ il verde. Il colore con le maggiori caratteristiche di penetrazione dello spettro visibile, il primo dell’arcobaleno che i neonati imparano a riconoscere. Nell’alchimia rappresenta l’uomo, il sole, l’oro. Effetti sull’organismo: accelera i battiti cardiaci ed è utile nei problemi circolatori [Se avete freddo infilatevi calzini e guanti rossi, migliorerete la circolazione periferica!], stimola la produzione d’adrenalina aumentando il metabolismo del corpo, aumenta la frequenza respiratoria, stimola l’attività nervosa e ghiandolare, attiva il fegato, ha potere decongestionante perciò si usa nelle forme dolorose croniche sui muscoli e per cicatrizzare i tessuti o sui polmoni contro la tosse, mal di gola e asma. Aspetti negativi: fa salire la pressione sanguigna, controindicato in caso di tumore. Effetti sulla psiche: Molto utile in caso di melanconia e depressione. Rende loquaci, aperti, passionali. Il Rosso è passione, movimento, amore, guerra, autorità, fierezza, istinto, desiderio, sessualità, calore, vita, energia fisica, pericolo.
Arancione: [5890 Å] Il suo complementare e’ il ciano e si ottiene per sintesi additiva di verde e rosso o per sintesi sottrattiva di magenta e giallo. La sua energia elettromagnetica è sulla stessa frequenza vibratoria del DNA. Effetti sull’organismo: Attivatore dell’intestino, ha un’azione riscaldante, rallegrante ed energetica, distribuisce ed integra l’energia, stimola la ghiandola tiroide e il battito cardiaco, senza aumentare la pressione sanguigna, ottimizza l’attività della milza, è utile per contratture e crampi muscolari. Effetti sulla psiche: Aiuta in caso di apatia, depressione, pessimismo, paura, nevrosi, psicosi, anoressia. Indossarlo da gioia per l’affermazione del proprio Io, buonumore e altruismo. L’arancione è serenità, entusiasmo, allegria, voglia di vivere, sinergia fisica e mentale, ottimismo, politicizzazione dei sentimenti, creatività, avventura. Perché non ci colorate il salotto?
Giallo: [5510 Å] Colore primario sottrattivo, il suo complementare e’ il viola. Effetti sull’organismo: Incrementa il tono neuromuscolare e combatte la stanchezza e gli irrigidimenti (sclerosi, arteriosclerosi), migliora la prontezza di riflessi, la concentrazione e la velocità del metabolismo, purifica l’intestino, depura il sangue, stimola la digestione ed è utile per anoressia e inappetenza, aumenta la razionalità. Utile contro l’asma. Effetti sulla psiche: Stimola l’attenzione, l’apprendimento, l’allegria, la mente e la concentrazione. Vestirsi di giallo fa sentire bene con se stessi e denota una forte personalità. Aspetto negativo: può creare ansia. Il Giallo è solare, idealista, amore intellettuale, illuminazione, radiosità, movimento, espansione, libertà, sviluppo, vivacità, estroversione, leggerezza, crescita e cambiamento, vitalità. Da architetto vi consiglio di colorarci il vostro studio, ma anche la cucina (I colori più leggeri al massimo della saturazione come giallo e arancio fanno sembrare lo spazio più grande)
Verde: [5120 Å] sintesi tra colori freddi e caldi. E’ il colore dell’equilibrio energetico, terapeutico per antonomasia. Indossarlo è ricerca di equilibrio e riflessione. Effetti sull’organismo: promuove il benessere generale. Potente germicida e antibatterico, disintossica e decongestiona l’organismo. Molto utile contro il mal di testa e proliferazioni anomale cutanee (verruche, nei…) Effetti sulla psiche: utilissimo contro lo stress, ansia, iperattività, irritabilità e insonnia, aiuta in tutte le forme psicosomatiche che influenzano l’apparato gastroenterico (bulimia). Il Verde è: volontà di operare, perseveranza, tenacia, rinnovamento, equilibrio, speranza.
Blu: [4750 Å] Ha proprietà calmanti. Effetti sull’organismo: Ha effetti antispatici, rinfrescanti, analgesici, rilassanti, stimola il sistema parasimpatico, diminuisce la pressione arteriosa, il ritmo respiratorio e i battiti del cuore, utile per la pressione alta, tachicardia e palpitazioni, per combattere il mal di gola, laringiti, raucedine, febbre, spasmi, reumatismi. Ha proprietà antisettiche, astringenti e anestetizzanti. Effetti sulla psiche: Il blu fa produrre al cervello ben 11 tranquillanti chimici, perciò è perfetto per combattere stress, nervosismo, ansia, insonnia, irritabilità e infiammazioni. In psicoterapia è usato per favorire rilassamento e distensione. Il blu è: intelletto, la verità, la fedeltà, la costanza, grande profondità, principio femminile, introspezione, sensibilità, calma, serenità, responsabilità, affidabilità, compassione.

Indaco: [4490 Å] Energia di tipo “freddo”. Colore “cosmico” dell’energia, è l’intuizione che sostiene l’attività mediativa. Effetti sull’organismo: cura i disturbi degli occhi (si usa per guarire la cataratta), naso, orecchi, stimola le ghiandole paratiroidee inibendo l’attività della tiroide ed ha un effetto anestetico ed emostatico, purifica il sangue. Effetti sulla psiche: favorisce l’intuito e la concentrazione mentale.
Viola: [4230 Å] E’ il colore con la maggior frequenza dello spettro visibile, il colore del cervello destro (analogico). Esprime sensualità, ma nel contempo spiritualità. Effetti sull’organismo: Ottimo cicatrizzante, stimola la produzione di globuli bianchi, la milza, lo sviluppo osteo-scheletrico, ottimizza il rapporto sodio-potassio e combatte i disturbi della vescica e dei reni. Utile contro sciatalgie e nevralgie, contro eczemi, psoriasi, acne. Rallenta l’attività cardiaca e favorisce la microcircolazione cerebrale, perciò è usato contro la calvizie. Effetti sulla psiche: spiritualità, ispirazione e fantasia. Controindicato nelle depressioni. Il Viola è: fantasia, regalità, intelligenza, ricchezza, bellezza, ispirazione, sofisticazione, alto rango, esaltazione, eccessiva retorica ornamentale, intelligenza, conoscenza, devozione religiosa, santità, sobrietà, penitenza.

Nero: Assenza di colore, usato per rendere più densi altri colori. Effetti sull’organismo: Se indossato di giorno, blocca la penetrazione cutanea delle radiazioni elettromagnetiche dei colori. Tende a devitalizzare la persona. Esalta il rosso, il giallo (potere intellettuale) e rosa (potere sociale). Effetti sulla psiche: Effetto depressivo. Il nero è: mistero, oscurità, autorità, potere, sottomissione, vergogna, disperazione, distruzione, corruzione, dolore, tristezza, umiliazione, rinuncia, solennità, costanza.

Rosa: Rappresenta l’amore e la gentilezza. Effetti sull’organismo: Agisce sul sistema nervoso rilassandolo e migliorando la vista, usato contro le cefalee. Effetti sulla psiche: Il rosa “Baker Miller” e’ utilizzato nelle celle delle carceri per calmare i prigionieri. In alcuni stadi gli spogliatoi delle squadre ospiti sono dipinte di rosa per stemperare la grinta dei giocatori. Il Rosa è: femminilità, dolcezza, tenerezza.

Marrone: Colore terziario, simbolo della madre terra, del legno. Il Marrone chiaro implica genuinità. Effetti sulla psiche: aiuta ad essere pratici e non dispersivi. Il marrone è: stabilità, solidità, affidabilità.

Bianco: La luce bianca contiene tutti e sette i colori dell’iride, è rivitalizzante, rigenera l’organismo, schiarisce la mente. La maggior parte dei cosiddetti bianchi sono grigi molto chiari: la neve fresca, per esempio, riflette circa l’80 per cento della luce incidente, ma per essere rigorosamente bianca, la neve dovrebbe riflettere 100 per cento della luce incidente. Funziona con qualsiasi altro colore, in qualsiasi contesto. Effetti sulla psiche: Rivitalizza tutto l’organismo, apporta energia. Il bianco è luce, semplicità, purezza, l’innocenza, innocenza, redenzione.

Grigio: Il colore delle autorità, è neutro. Effetti sulla psiche: colore da evitare nei soggetti paurosi. Promuove la produttività. Il grigio è: depressione, umiltà, apatia, ambiguità, sobrio, cupo.

Beh, io ieri mi sentivo così: Non toccate quel colore!

Standard