LIGHTBYRINTH

LIGHTBYRINTH
POLITECNICO DI MILANO2013 / 2014
Professori: Alberto Seassaro
Studenti : Serena Bacigalupo, Giulia Russo
 

LA METAFORA

Luce come strumento per giungere alla conoscenza / Il viaggio, inteso come la ricerca per giungere alla conoscenza, di se stessi prima e del mondo poi, non può slegarsi dalla precisa connotazione geografica del labirinto, in quanto segno identificato in uno spazio preciso, al cui interno l’uomo appare minato e smarrito nella sua essenza. Il labirinto dunque corrisponde alla rappresentazione della realtà cognitiva nella quale l’uomo vive costantemente, quella realtà che chiede di essere esplorata e ordinata.

Il titolo Lightbyrinth gioca sull’assonanza vocale tra labyrinth, ossia labirinto, principio essenziale dell’artefatto luminoso, e light, luce, elemento fondamentale che guida lungo il percorso corretto e permette di giungere alla conoscenza, simboleggiata dal cubo interno posto al centro dell’oggetto.

L’oggetto ha due livelli di lettura: il primo è quello ludico, si può inserire una pallina di legno e provare ad indovinare la strada che porta alla fine del labirinto, la cui soluzione si scopre una volta accesa la luce. Il secondo è quello più spirituale e riguarda il cogliere la metafora che vi sta sotto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...