BLOG

Limbiate e un Velvia Scaduto: storia di una amore breve, ma intenso.

Poco tempo fa avevo parlato del luna park abbandonato di Limbiate e del redbird redscale che [ahi, purtroppo, oserei dire!] avevo montato sulla mia Minolta durante la “gita-non-autorizzata” che abbiamo effettuato. Fortunatamente, prima che ci “invitassero gentilmente ad uscire dal parco” sono riuscita a fare anche qualche scatto con un Velvia scaduto 100 ISO, i cui colori, ora sviluppato, mi hanno ripagato della frustrazione del redbird. Ecco qui quei pochi scatti che sono riuscita a rubare a Limbiate! ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine

Standard

Il 20 Marzo è “l’international day of happines”.
Non state ancora correndo per strada sulle note di Happiness di Pharrel Williams?
Mollate tutto quello che state facendo, uscite e mangiatevi un gelato. Scrivete su tanti foglietti i motivi per cui dovete essere felici e nascondeteli in tanti posti diversi della vostra casa. Spunteranno nel momento più opportuno, lo dico per esperienza.
Felicità è un diritto, felicità è un dovere.
Me lo ripeto spesso e prima che uscisse happy, se ripetermelo non era abbastanza, ascoltavo questa canzone [ora le ascolto entrambe].
Buona guadagnata felicità!

Art, BLOG

Tra fili colorati e sensazioni il mio primo autoritratto.

Vi ricordate di “Profili”? Ne ho parlato un po’ di tempo fa, un progetto artistico legato ai colori e alle loro relazioni con le nostre sensazioni.
Ho cominciato con un mio autoritratto, che ora posso finalmente mostrarvi. Curioso, che sia il primo autoritratto della mia vita, alla scuola d’arte che ho frequentato per un po’ parallelamente al liceo ho disegnato di tutto, da gessi impolverati e miei compagni di sventura, ma mai me stessa. Dovevo aspettare i 25 anni per riuscire ad affrontarmi. Beh, intanto che io analizzo questa cosa e faccio ipotesi psico-scientifici-poco-attendibili sulla cosa, ecco il risultato:
Immagine
Porta con sè le imperfezioni dei primi esperimenti, le ore piccole della mia insomnia, le dita bucate dalla mia frenetica voglia di finire!
Immagine
Ora sto già cominciando un nuovo “profilo”, questa volta un ritratto di una persona cara che si è prestata al “gioco” [se anche voi siete abbastanza fuori di testa per farlo, scaricate la scheda in allegato al post e inviatemela compilata a giui.giuliarusso@gmail.com]
Immagine
Per le foto si ringrazia, come sempre, Simone berna. 🙂
Buona giornata colorata a tutti voi!
…ed ecco la scheda! come funziona? Alla fine di ogni giornata, per un mese, pensate alle emozioni che avete provato e mettete dei pallini nell’area di colore che rappresenta quello che sentite [per esempio, oggi è stata una giornata in cui mi sono sentita molto attiva, propositiva e felice, ZAC, un puntino nell’area arancione e uno in quella gialla!]. Le parole che trovate scritte sono solo dei “sintesi”, che magari possono aiutarvi a focalizzare il colore nella vostra mente all’inizio, ma non vanno prese come una regola, assolutamente!
Immagine
 
Standard
BLOG

Non ti fidar di un RedBird a 400 ISO, NON TI FIDAR!

doppia esposizione Greenland, Limbiate

doppia esposizione
Greenland, Limbiate

…perché al contrario di un bacio a mezzanotte, non ti farà innamorar.
E’ successo che, tempo fa, io e Simone avevamo autoprodotto dei redscale in camera oscura, che scattati a 50 ISO mi hanno conquistato per quelle tonalità vintage che fanno invidia al miglior filtro lightroom.
Così, settimana scorsa quando, arrivati a Limbiate per la nostra gita fotografica, mi sono accorta di avere montato il Rollei Redbird, anche se a 400 ISO, mi sono fidata e ho scattato tranquillamente. Ogni tanto sentivo che la mia Minolta arrancava, ma, pensando fosse una mia impressione, presa com’ero dall’eccitazione del momento, non mi sono preoccupata più di tanto…
Innanzitutto, fermi tutti, un  po’ di storia sul luogo della gita fotografica:
Greenland o “Città satellite” è nato come luna park stabile nel 1964 su un’area di 374mila m² di proprietà di G. Brollo in collaborazione con S. Sardena. Raggiunge il suo massimo splendore negli anni ottanta, ma a causa di difficoltà gestionali e irregolarità in tema di sicurezza e di igiene nel 2002 viene sottoposto a sequestro giudiziario, viene richiuso nell’estate 2008 a causa di un contenzioso tra la vecchia e la nuova proprietà e inizia così la decadenza dell’intera struttura. Viene poi definitivamente messo all’asta da parte del Tribunale di Milano. Nell’ottobre 2009 è stato presentato il progetto di riqualificazione del parco divertimenti e delle zone adiacenti. Ora è completamente in degrado, recintato e chiuso da vari lucchetti..noi siamo entrati lo stesso a nostro “rischio e pericolo”, come incitavano le scritte all’ingresso e siamo riusciti a fare qualche foto, prima che un presunto “guardiano” in bicicletta con cagnolino appresso ci cacciasse.
Dato che è evidente che molto, ma molto difficilmente riusciremo ancora a mettere piede in un posto del genere, si provi solo ad immaginare la mia faccia quando il mio negativo torna dal laboratorio e noto che è piegato in mezzo e ha tante altre piegature e segni di dubbia provenienza. Una volta scansionato: BUM. Ero io che con aria sconsolata mi sono accasciata sulla sedia.  Alcuni scatti sono proprio rovinati da graffi [in uno vi è anche uno strappo], da punti di dubbissima provenienza e segni di inceppamento della pellicola che danno una sorta di efferro light leak… dopo varie congetture, che hanno smosso ogni neurone del nostro cervello, siamo arrivati a pensare che la pellicola non fosse stata bobinata bene [per il redscale la pellicola va bobinata al contrario] e che durante questa operazione si sia piegata e rovinata. Probabilmente, sfortuna, ah! La solita! In ogni caso, del colore rosato vintage, nessuna traccia, il redbird è il redscale più rosso e senza mezzi toni che abbia mai visto. Molti scatti sono praticamente da buttare, ma fortunatamente [anche se ho un po’ paura a dirlo], prima che ci cacciassero dal parco sono riuscita a scattare qualche foto con un Velvia scaduto che non ho ancora sviluppato e in cui confido tantissimo [forse non dovevo dirlo, ti prego, Signor Velvia, Fai il bravo!]. Ammetto che sono un po’ timorosa e nella mia testa i alla maledizione del guardiano di Greenland.

Voi, avete mai provato un Redbird della Rollei? qualche consiglio…intanto oggi c’è il sole, ho un Velvia da finire…perfetto! gli altri miei esperimenti fotografici li trovate qui. E…buoni scatti a tutti! 🙂

 
Redbird Rollei 400 iso
Redbird Rollei 400 iso
Greenland, Limbiate anche qui si può notare l'effetto tipo light-leak dovuto ad una piegatura della pellicola
Greenland, Limbiate
anche qui si può notare l’effetto tipo light-leak dovuto ad una piegatura della pellicolaRedbird Rollei 400 iso
Redbird Rollei 400 iso Redbird Rollei 400 iso
Greenland, Limbiate qui...direi che le piegature si vedono bene!

Greenland, Limbiate
qui…direi che le piegature si vedono bene!

Greenland, Limbiate qui si può notare l'effetto dovuto ad una piegatura della pellicola

Greenland, Limbiate
qui si può notare l’effetto dovuto ad una piegatura della pellicola

Standard