Uncategorized

Storie di Aquiloni

Leggerezza è una parola bellissima, ma così effimera che non sempre sembra sopravvivere al quotidiano, per questo, bisogna escogitare modi per non dimenticarla.

*Quando i pensieri sembrano zavorre, ripetila per almeno un centinaio di volte con gli occhi
socchiusi.

*Se hai ansia del presente e sei preoccupato per il futuro, chiedi aiuto ad un aquilone.

è un gesto romantico che richiama un bisogno antico come il mondo: la voglia di staccarsi da terra

*Fingi di essere un bambino, quando meno te ne accorgerai, ricomincerai ad esserlo

*Affidati al vento, non si porta via le domande nè ti suggerisce risposte, ma priva entrambe di
  peso
Io le dissi ridendo “Ma Signora Aquilone 
non le sembra un pò idiota questa sua occupazione?”. 
Lei mi prese la mano e mi disse “Chissà, 
forse in fondo a quel filo c’è la mia libertà, 
forse in fondo a quel filo c’è la mia libertà”.


Grazie a De Gregori, ad Italo Calvino ed a Kundera, sempre.

 
 
 
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...